Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Ufficio Assistenza - FAQ

Data:

04/03/2019


Ufficio Assistenza - FAQ

Q Sono un Cittadino italiano e sto per strasferire la mia residenza in USA, ho diritto all’assistenza sanitaria nazionale?

A No, i cittadini italiani che trasferiscono la residenza in uno Stato con il quale non è in vigore alcuna convenzione con l’Italia perdono il diritto all’assistenza sanitaria a carico del Servizio Sanitario Nazionale e dovranno quindi provvedere autonomamente, secondo le modalità previste dal Paese di destinazione.


Q Cosa puo’ fare il consolato in caso di rimpatri di salme o ceneri?

A Le Rappresentanze consolari forniscono assistenza e consulenza in caso di rimpatrio di salme di cittadini italiani deceduti all’estero. In questo ambito, provvedono alla richiesta di autorizzazione al Comune italiano per la tumulazione della salma o delle ceneri e al rilascio del passaporto mortuario. Al fine di ottenere il passaporto mortuario il richiedente dovrà presentarsi, previo appuntamento, presso l’Ufficio consolare con la documentazione (guarda check list). A ricezione della suddetta documentazione, il consolato provvedera’ a controllarla e a richiedere alla competente Autorita’ in Italia la necessaria autorizzazione per l’introduzione della salma o delle ceneri nel territorio nazionale.


Q Cosa puo’ fare il consolato in caso di rimpatrio sanitario?

A La Rappresentanza consolare provvede, in collaborazione con gli enti italiani territorialmente competenti (Prefetture, Questure, Comuni, Aziende Sanitarie Locali, Servizi Sociali), al rimpatrio dei cittadini italiani residenti, in stato di indigenza, che versino in gravi condizioni di salute e necessitino di ricovero in Italia, e dei minori italiani in stato di abbandono. In caso di rientro definitivo in Italia il cittadino italiano residente all’estero da almeno 12 mesi e che trasferisce la propria residenza in Italia ha diritto ad agevolazioni doganali e - a seconda dalle normative regionali, provinciali o comunali - a eventuali contributi finanziari.
Le esenzioni doganali si applicano alle masserizie possedute e usate dal richiedente e destinate ad uso personale oltre che all’autovettura posseduta da almeno 6 mesi.
Il rientro delle masserizie deve avvenire entro 6 mesi dalla data dichiarata come ultimo giorno di residenza all’estero.


Q Cosa puo’ fare il Consolato nel caso in cui un cittadino italiano sia arrestato o sia vittima di un incidente in USA?

A Nell'ambito della protezione e dell'assistenza consolare, numerosi interventi riguardano i cittadini che incorrano in problemi con la giustizia locale o che rimangano coinvolti in incidenti; il rimpatrio delle salme; la ricerca di connazionali che non danno più notizia di sé; l'assistenza a genitori italiani ai quali il coniuge straniero o doppio cittadino abbia sottratto un figlio, portandolo con sé all'estero.
Per gli incidenti occorsi all'estero, le Rappresentanze diplomatico-consolari si assicurano che i cittadini ricevano adeguati trattamenti medici in loco, che vengano debitamente informati i familiari e che venga fornita ogni possibile assistenza in caso di necessità di trasferimento in Italia.
Nel caso in cui un connazionale sia arrestato in un paese straniero, il Consolato può:
- effettuare visite consolari al detenuto;
- indicare un eventuale legale;
- curare i collegamenti con i familiari in Italia;
- provvedere ad assicurare al detenuto, quando necessario e consentito dalle norme locali, assistenza medica, alimenti, libri e giornali;
- intervenire per il trasferimento in Italia, qualora il connazionale sia detenuto in Paesi aderenti alla Convenzione di Strasburgo sul trasferimento dei detenuti o ad accordi bilaterali ad hoc;
- intervenire, in particolari casi, per sostenere domande di grazia, su basi umanitarie.
Il Consolato non può:
- intervenire in giudizio per conto del connazionale;
- pagare le spese legali del detenuto.


Q Sono un cittadino italiano, cosa posso fare se mi trovo in una situazione di emergenza?

A Chiamare il numero (310)433-5422 o mandare una email a assistenza.losangeles@esteri.it.  Le chiamate per pratiche consolari ordinarie, rinnovo passaporti, visti, cittadinanza etc. non potranno essere prese in considerazione.


Q Come posso richiedere una nuova pensione?

A Per le richieste di nuove pensioni rivolgersi all’Ufficio del Patronato, la lista completa dei patronati e’ disponibile al seguente sito web: https://conslosangeles.esteri.it/consolato_losangeles/it/i_servizi/per-i-cittadini/pensioni/patronati.html.



651