Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Zucchero celebrato al Grammy Museum (21 febbraio 2013)

Data:

22/02/2013


Zucchero celebrato al Grammy Museum (21 febbraio 2013)


 


Zucchero Fornaciari e’ stato celebrato al Grammy Museum durante una serata speciale del Los Angeles Italia Film, Fashion and Arts Fest alla presenza di un pubblico selezionato di artisti ed esponenti del mondo del cinema e della musica.
Tra i partecipanti alla serata al Grammy Museum anche il Console Generale Perrone, che nel suo saluto al pubblico ha sottolineato il profilo di Zucchero quale artista Italiano per eccellenza ed al tempo stesso musicista di rilievo globale che interpreta nella sua musica suoni e stili di diverse culture e diversi paesi. La sua premiazione, nel tempio della musica internazionale, ha sottolineato il Console Generale, e’ particolarmente significativa in quanto fu proprio un disco italiano, Volare di Domenico Modugno, a ricevere il Grammy Award alla sua prima edizione.

Zucchero e’ tornato sulla scena con un nuovo album, in vendita dal 26 febbraio, che rende tributo alle tradizioni musicali cubane. Come cantante, autore e musicista, Zucchero ha collaborato con le leggende internazionali del rock, del blues, del jazz, della musica classica. Da Bono a Sting, da Iggy Pop a Eric Clapton, a Miles Davis, John Lee Hooker, Solomon Burke, Andrea Bocelli, fino al suo sodalizio con Luciano Pavarotti

L’artista italiano ha anche vinto due World Music Awards , sei IFPI Europe Platinum Awards ed e’ stato nominato per un Grammy nel 2007. Dal video proiettato durante la serata, risaltano le parole di Sting, secondo cui: “Ogni paese produce un cantante in ogni generazione che rappresenta quel paese. Come Brusce Springstein rappresenta l’America o Bono l’Irlanda, Zucchero e’ la voce italiana in tutto il mondo”.

Zucchero




312